Personal trainer, addominali perfetti con l’allenamento passo passo.

Personal trainer addominali

Gli addominali sono una realtà che spesso mettono timore, influenzando in modo determinate l’estetica con fianchi stretti e pancia piatta. Con il giusto programma di allenamento, si potranno ottenere risultati da casa affidandosi a un personal trainer.

Ma perché è utile un workout trainer? Quali sono i vantaggi? E quali i passi per ottenere degli addominali perfetti? Seguiteci nel nostro percorso.

Obiettivo addominali perfetti a casa: perché rivolgersi a un personal trainer

Il termine personal coach o più comunemente definito personal trainer è molto spesso affiancato a quello dei workout per gli addominali, dato che per realizzare un addome scolpito anche da casa sarà necessario disporre di un professionista del settore.

Gli addominali infatti sono muscoli molto difficili da allenare, abituati agli sforzi e agli esercizi di resistenza, costituiti da una fascia centrale chiamata retto addominale, una più profonda e due fasce oblique.

Conoscere il loro funzionamento, come avviene la contrazione e gli esercizi giusti è ciò che un personal trainer vi offre permettendo anche a chi si trova a casa e ha poco tempo a disposizione di potersi allenare in modo efficace.

Quali sono i primi passi per iniziare ad allenarsi

Ma quali sono i passi per allenare gli addominali in maniera perfetta? Di seguito elenchiamo quelli più importanti:

  • sceglier il personal trainer: oggi allenarsi da casa è una realtà, strettamente connessa al poco tempo a disposizione e grazie a un personal trainer qualificato come Sharon Barani vuol dire avere la certezza di migliorare il proprio corpo.
  • Valutazione degli esercizi: in base alle caratteristiche antropomorfiche, ovvero altezza, peso, tipologia di costituzione, percentuale di massa grassa e di massa magra il personal trainer stabilirà la tipologia di esercizi da eseguire e la frequenza dell’allenamento.
  • Programma di allenamento: sarà necessario scegliere uno dei nostri programmi di allenamento come il Fit Program o la versione Fit Program Plus. In questo modo si avrà la possibilità di ottenere il giusto workout.
  • Profilo alimentare: per avere addominali ben definiti sarà necessario anche disporre di un’alimentazione che sia equilibrata e che non presenti uno sbilanciamento tra proteine, grassi e carboidrati. Per questo sono disponibili i programmi Diet Program e Diet Program Plus che offriranno profili personalizzati.

Allenare gli addominali alcune considerazioni

Se si è alle prime esperienze nell’allenamento degli addominali è importante sempre tenere a mente alcuni aspetti fondamentali.

In primo luogo tutti i movimenti devono essere coordinati con una respirazione regolare e in particolare si dovrà espellere l’aria quando si determina una contrazione, mentre si inspira ossigeno quando vi è una distensione.

La muscolatura del collo non dovrà mai essere sottoposta a stress per questo bisogna sempre mantenerla in linea con la schiena e mai piegarla su petto mentre si eseguono gli esercizi.

Inoltre tra una serie e l’altra dovrà esserci un recupero minimo, escluso solo nel caso in cui si effettua un circuit training, così come tra due diversi esercizi.

Infine si potranno utilizzare una serie di strumenti che possono offrire diverse variazioni per un allenamento specifico e intenso:

  • Tappetino
  • Fit ball
  • Pesetti e cavigliere.

Allenamento addominali per principianti

Di seguito indichiamo un workout per ottenere addominali perfetti per i principianti. Tra una serie e l’altra sarà consigliabile, in quanto primo allenamento, recuperare tra 1,30 e 2 minuti massimo.

  • Crunch: è uno degli esercizi più utili per delineare la fascia muscolare degli addominali, dato che interessa il retto femorale. Ci si dovrà stendere supini su un tappetino, quindi pancia all’aria, mantenendo le piante dei piedi per terra e le gambe piegate e ginocchia unite. A questo punto con le mani incrociate sul petto o dietro alla testa bisognerà staccare da terra le spalle e portarle verso le ginocchia.
  • Crunch inverso: la posizione è simile a quello del crunch, ma questa volta il movimento non sarà effettuato dal busto ma saranno le gambe a dover andare verso di esso piegandosi sull’addome.
  • Obliqui con gambe fisse: per lavorare gli addominali obliqui, sarà necessario un allenamento specifico. Anche in questo caso è preferibile essere posizionarsi a terra soprattutto le prime volte e partendo dalla posizione di crunch porre per esempio la caviglia della una gamba destra sul ginocchio. A questo punto basterà portare il gomito o la punta della mano sinistra verso il ginocchio destro.
  • Distensioni: un esercizio a cui si dovrà fare attenzione evitando di caricare la zona lombare. Dalla posizione supina, con le mani lungo i fianchi e gambe stese bisognerà staccare queste ultime da terra eseguendo un movimento oscillatorio.
  • Torsioni con bacchetta: in posizione eretta con gambe leggermente divaricate e piegate, si posizionerà la bacchetta sulla parte posteriore delle spalle, oppure all’altezza del busto mantenendo le mani ben distanti. A questo punto con movimenti controllati bisognerà eseguire una torsione del busto.
  • Plank: esercizio che si esegue ponendosi proni su un tappetino e mettendosi in tensioni sulle punte dei piedi e sulle braccia piegate sotto il corpo diritto. L’esercizio è molto utile, dato che interessa sia la zona addominale sia i muscoli posturali e i paravertebrali.

Allenamento addominali con personal training per chi vuole scolpire

Un allenamento più intenso per chi desidera dal proprio personal trainer un workout con una maggiore performance prevede diversi esercizi di base ma con una serie di varianti. Di seguito elenchiamo alcuni esempi:

  • crunch a libretto: Il movimento è quello del crunch, ma nel momento in cui si contrae il retto addominale alzando le spalle, si effettuerà un movimento simile delle gambe, combinando quindi anche il lavoro del crunch inverso.
  • Crunch a portafoglio: un esercizio che richiede una certa padronanza del proprio corpo e soprattutto un’esecuzione adatta. Infatti si dovranno portare le braccia e il busto verso le gambe che sono in estensione assecondando un movimento simile a quello della chiusura di un portafoglio.
  • Addominali obliqui alternati: è un variante dei crunch obliqui, ma per aumentare l’intensità le gambe saranno piegate e si alzeranno in maniera alternata, portando il braccio destro verso il ginocchio sinistro e viceversa in sequenza.
  • Sforbiciate: molto utili per aumentare l’intensità degli addominali con distensione delle gambe. In questo caso una volta posto in tensione il retto femorale, si potrà iniziare ad effettuare una serie di sforbiciate. Altra variante prevede un movimento a piccoli cerchi.
  • Sospensioni: il retto addominale e gli obliqui sono muscoli molto potenti, dato che sono interessati a mantenere la stazione eretta e per questo sono abituati ai continui sforzi. Per questo può essere un utile esercizio quello di eseguire una serie di sospensioni, ovvero mantenendo il muscolo in contrazione ma senza movimento.
  • Plank con braccio steso: sarà possibile aumentare l’intensità di carico, lavorando sempre in esenzione sulle braccia, ma stendendone una alla volta in modo da aumentare la tensione.

 

Close

CONTATTACI

Per un contatto diretto compila il modulo con le tue informazioni

    Subscribe error, please review your email address.

    Close

    You are now subscribed, thank you!

    Close

    There was a problem with your submission. Please check the field(s) with red label below.

    Close

    Your message has been sent. We will get back to you soon!

    Close